Storia abbazia

Durante la Rivoluzione Francese, i Trappisti furono costretti ad abbandonare e fuggire dall’abbazia a La Trappe.  Nel 1793 arrivò un piccolo gruppo di monaci ad Anversa.  Stavano andando in Canada.  Ma l’ex vescovo di Anversa li convinse a stabilirsi in una piccola fattoria a Westmalle, chiamata “Nooit Rust".  Probabilmente il nome proviene dall’incessante lavoro nella fattoria e nel campo.  Il 6 giugno 1794 è la data dell’inizio ufficiale della vita cistercense a Westmalle quando 10 monaci entrarono nel monastero-fattoria.

Tra il 1815 e il 1830 il monastero faceva parte del Regno dei Paesi Bassi.  Il regno voleva abolire gli ordini contemplativi come i Trappisti.  Ma i monaci di Westmalle riuscirono a dimostrare la loro utilità sociale fondando una scuola e aprendo un centro ospitalità.  Malgrado questo periodo di difficoltà e insicurezza, la congregazione crebbe e nel 1836 il priorato fu elevato ad abbazia.

La costruzione dell’odierna abbazia iniziò circa nel 1900.  Negli anni 30, fu aggiunta una stalla rinnovata e una nuova distilleria.

  • Il campanile dell'abbazia di Westmalle
  • La chiesa dell'abbazia di Westmalle
  • Il giardino del cortile dell'abbazia di Westmalle
  • Le pecore dell'abbazia di Westmalle
  • Il chiostro dell'abbazia di Westmalle
  • La vista dal chiostro dell'abbazia di Westmalle
  • Il fonte battesimale dell'abbazia di Westmalle
  • La biblioteca dell'abbazia di Westmalle
  • Un monaco sceglie un libro dalla biblioteca dell'abbazia di Westmalle
site by Intracto